Pubblicato da: anto | febbraio 21, 2010

Bataille des fleurs, parte 1: i fiori

La prima battaglia dei fiori, che all’origine era un semplice scambio di fiori, nasce nel 1876 ad opera di Andriot Saëtone. Ora è un vero e proprio spettacolo in cui 20 carri fioriti sfilano sulla Promenade des Anglais con modelle in costume che lanciano da 80.000 a 100.000 fiori sul pubblico.
La sfilata, che ogni anno segue il tema del corso mascherato, è preparata con un lavoro meticoloso effettuato in un tempo davvero ridotto: rose, gigli, gerbere, garofani e ovviamente, la mimosa, simbolo di Nizza, sono gettati freschissimi sul pubblico che li coglie a piene mani.

tra i fiorilanciofiori

lancio dei fiorifiorisui fiori

fioricarro florealefiori

fiorifiori bianchidama dei fiori

fioriregina di fioribouquet di mimose

pronti al lanciofiorilancio floreale

lancio di fiorifloraombrello

fiorituramimosefiore tra i fiori

in mezzo ai fiorifiori rossigiardino fiorito

dama fiorifiore



Anch’io ho perso il mio mazzolino…

Read and post comments

|

Send to a friend

Annunci

Responses

  1. Bella la composizione! Incredibile quanti fiori sono stati lanciati, ma a me e' piaciuto soprattutto il DRAGO ! Attendo le sue immagini!

  2. arrivano… arrivano anche tutti i draghi e le bestie varie! :)))

  3. I saw a beautiful picture.
    Thank you.

  4. [c’est top]

  5. thank you!

  6. oui, c'est ça qui impressionne le plus! et le résultat de ce travail est une explosion de couleurs et des parfums.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: