Pubblicato da: anto | giugno 25, 2009

The boat that rocked (I love radio rock)

Della storia di Radio Caroline aveva ampiamente parlato marco, giustamente affascinato dall'apprendere che il nostro Grant Benson aveva partecipato alle epiche imprese di quegli anni.
Lo sceneggiatore e regista Richard Curtis prende ispirazione proprio da Radio Caroline e dai suoi dj per tratteggiare i profili dei protagonisti di I Love Radio Rock, il suo personale omaggio alla musica pop e rock.
Nel 1966 la BBC trasmetteva solo 2 ore di rock and roll alla settimana. Ma una radio privata trasmetteva musica rock e pop, da una nave al largo della Gran Bretagna, 24 ore al giorno. E 25 milioni di persone – più di metà della popolazione britannica – ascoltava questi pirati ogni giorno.

La musica è il motore dell'azione di I Love Radio Rock, che ripercorre un'epoca di forte contrasto politico-sociale, esaminando da una parte il rigore dei colletti bianchi e dall'altra la voglia di libertà dei giovani. Negli anni in cui la radio rappresentava un momento di raccoglimento collettivo, l'americano Conte (Philip Seymour Hoffman) e il suo rivale Gavin (Rhys Ifans) – "pirati" che vivevano letteralmente per la musica – facevano sognare gli ascoltatori con le loro storie personali e tanto rock'n'roll.
Puntuale è la colonna sonora che funge da duplice protagonista, descrivendo a tratti il periodo in cui è ambientato il film e muovendo a tratti i fili della trama, sostituendo la narrazione con brani mirati.
Girato quasi esclusivamente con camera a spalla il film rende perfettamente l'atmosfera che doveva regnare a bordo della nave, un microcosmo gogliardico e trasgressivo, in cui le storie dei protagonisti, pur non essendo trattate in profondità, formano un gradevole mosaico multicolore. Epica la scena del naufragio finale, con tanto di salvataggio da parte degli ascoltatori e di dischi in vinile a fluttuare silenziosi tra le onde del mare.
Ma la musica continua.
E' anche grazie a questa epopea che

"Cinque
anni dopo, nel 1972, iniziavano a trasmettere le prime radio libere
terrestri in UK
"

Read and post comments

|

Send to a friend


Responses

  1. Che musiche in quel film! Che epoca…erano anche gli anni d'oro dei miei, e forse di tutt'europa…

  2. grazie amore! in effetti senza la tua recensione proiezionista mi mancava qualcosa…. soprattutto la notazione sulla ventola durante la pubblicità… come privarsene??? …eh… son cose serie mica pizza e fichi! :-*


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: