Pubblicato da: anto | agosto 25, 2008

Narbonne

Il centro della città è dominato dall'imponente palazzo neogotico dell'antico Arcivescovado, oggi Hôtel de Ville, rifatto da Viollet le Duc nel 1840. Del XIII-XIV sec sono le tre torri quadrate che rinserrano la facciata.

Al centro della piazza si apre un varco sull'antica Via Domitia, la cui costruzione fu decisa nel 118 a. C. dal senato romano per collegare il Rodano ai Pirenei.

La cattedrale di St-Just è una costruzione gotica iniziata nel 1272 e interrotta nel 1354; Cinta da contrafforti e da arditi archi rampanti, dopo l'innalzamento del coro e delle 13 cappelle poligonali, la sua costruzione fu interrotta a causa delle dimensioni spropositate che avrebbe raggiunto: la navata si sarebbe estesa ben oltre le mura cittadine, che avrebbero dovuto essere per questo abbatutte.
 

cielotorrinavata

Al suo interno vetrate trecentesche e arazzi dei sec XVII-XIX.

vetratearazzoorgano

Il Canal de la Robine fiancheggiato da ombrosi platani e con piacevoli passeggiate, divide in due la città.

Read and post comments | Send to a friend


Responses

  1. Emozionante vedere il lastricato della antica via domitia, pensando – mentre tutt'attorno i turisti sciabattanti leccano il gelato – a questi nostri valorosi avi che hanno avuto la visione, ed il coraggio di costriuirla…quanto sarebbe bello tornare indietro nel tempo e percorrerla, vedendo tutt'attorno le botteghe ed i commercianti del mondo di allora…

  2. mah! chissà cosa c'era in realtà… io ho trovato sorprendente che quei ciottoli arrotondati e così sporgenti potessero essere una conquista nel miglioramento dei trasferimenti su strada; dev'essere stato davvero disagevole spostarsi in queltempo; ed ancora più incredibile appare allora come gli antichi romani siano riusciti per secoli a tenere unito un impero così vasto!

  3. Trés belles photos et note trés interessante. Merci Anto.

  4. merci à toi de ton passage! :)))

  5. [c’est top]

  6. Ils avaient introduit un droit écrit qui a marqué notre culture pour toujours … D'ailleurs la " Révolution" est partie du Languedoc … pays de droit écrit dans lequel dans la plus humble des familles protestantes … de la façon la plus cachée puisque c'était interdit, on savait lire !!!! … et on apprenait aux enfants à lire … filles ou garçons … puisqu'on lisait la Bible en famille tous les soirs ! … D'où les persécutions qui ont atteint aussi les enfants !….
    Amitiés

  7. molto interessante! mi ha sempre affascinato la storia di quei luoghi; è terribile ciò che è stato fatto in nome della religione; prima contro i catari, poi contro i protestanti… è l'indipendenza (soprattutto quella culturale) che fa più paura a chi detiene il potere!

  8. Oui,le christianisme comme pouvoir de l'Eglise catholique romaine, a voulu faire disparaitre toute trace culturelle de la culture romaine et gallo-romaine … Mais finalement, les Lumières et le XVIIIème siècle porteur de révolution, l'a réhabilitée … Tu as tout à fait raison …Napoléon quand il a restauré l'ancien régime a fait interdire les cours de philosophie et d'histoire.
    Mille grazie rispondermi in italiano. Mi sforzero di conversare con lei nella sua lingua. Baci amichevoli.

  9. 🙂 scrivi molto bene in italiano!bisous!

  10. :)))


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: