Pubblicato da: anto | agosto 31, 2007

Il mondo piatto

Si chiama Flatlandia ed è un foglio sottilissimo, tanto sottile da non avere proprio spessore.
E' abitato da esseri piatti che vivono nelle loro case piatte e provano i loro piatti sentimenti, beandosi della loro piattezza, che è tutta la loro vita, tutto ciò che possono piattamente concepire.
Tu li guardi dall'alto di una dimensione che loro non conoscono e non possono vedere coi loro occhi piatti, né comprendere, con le loro menti piatte.
Loro comunicano solo con i confini delle cose e delle persone e non sanno tutto il mondo che ognuno di essi racchiude dentro; e nemmeno che quel mondo dentro è collegato con il fuori nella dimensione che non conoscono.
Tu li vedi da fuori e quindi anche da dentro. Da un sopra che è anche un sotto e un tutt'intorno insieme.
Ti puoi anche divertire, se vuoi, ad affondare un dito nella loro piatta superficie, e guardarli gridare al miracolo, per l'improvvisa apparizione di un oggetto mutevole nella forma che appare e scompare senza un perché.
E, in un delirio di onnipotenza, puoi anche prenderne uno, rapirlo fuori dal (suo) tempo e fargli provare l'ebbrezza di un volo fuori dalla sua piatta dimensione: non si riprenderà mai completamente da una simile esperienza mistica.
Oppure puoi prendere tutto il foglio piatto e arrotolarlo dolcemente su se stesso… loro non si accorgeranno di niente, almeno fino a quando alla fine del loro lunghissimo cammino, non si ritroveranno al punto di partenza.

Ispirato al romanzo Flatlandia, racconto fantastico in più dimensioni, scritto da  Edwin Abbott nel 1881

Read and post comments

Pubblicità

Risposte

  1. [ciò è buono]

  2. leggendo il tuo post ho fatto alcune riflessioni :questo mondo piatto lo ritrovo spesso nella vita di tutti i giorni!! persone piatte che non riescono a trovare il gusto delle cose ,che sono solo capaci di criticare l' operato altrui, intolleranti verso le diversità,che si lamentano di tutto e tutti….che tristezza!!!!!penso però che nel nostro condominio ci sia una alta percentuale di persone tridimensionali!!!!!!!!!!!!!! Un saluto a te cara sorellina e a tutti gli amici di vox

  3. sì, è una fantasiosa narrazione, in cui si immagina la vita in questo mondo a due dimensioni, con tutti i risvolti matematici che ne conseguono, ma è anche una satira della società inglese del tempo. i personaggi, che sono delle figure geometriche, entrano in contatto con un essere tridimensionale e da lì scaturiscono una serie di argomentazioni molto affascinanti che fanno riflettere anche sul nostro universo e sulla nostra società.@easy: c'è anche quella lettura se vuoi: c'è sempre un profondità in più da indagare, qualunque siano le dimensioni in cui ci troviamo a vivere!!!


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: